Questo sito, unitamente agli strumenti terzi da questo utilizzati, utilizza i cookies per rendere i propri servizi semplici ed efficienti per l’utenza che ne visiona le pagine. Se vuoi saperne di più leggi la nostra informativa estesa sul loro utilizzo. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookies.

Io non ho paura

Per un uso sicuro e consapevole di Internet

io non ho paura 3

L'ufficio Informagiovani del Comune di Tolentino, mediante l'associazione S.O.S Il Telefono Azzurro Onlus, ha promosso un incontro con gli alunni e i docenti del nostro Istituto finalizzato all' uso consapevole di internet.

 Oggi il bullismo è un fenomeno in costante aumento tra gli adolescenti, soprattutto attraverso l'utilizzo di internet e dei social network (Cyberbullismo). Si è ritenuto quindi opportuno presentare ad alunni e docenti le linee guida fondamentali per un utilizzo sicuro della rete.

Di seguito riportiamo le riflessioni di alcuni alunni intervenuti alla conferenza.

 

 

Giovedì 24 ottobre 2013 la nostra classe 3 C, insieme alle altre terze, ha assistito ad un incontro sul bullismo: un abuso di potere da parte di un individuo chiamato bullo.

Giovanni Salerno, un rappresentante del Telefono Azzurro, ci ha parlato di quelli che potrebbero essere i pericoli di Internet, se usato in maniera sbagliata e di quali potrebbero essere i rimedi al bullismo.

Attraverso diversi filmati che rappresentavano delle “testimonianze” da parte di nostri coetanei ci ha fatto capire i seri rischi di una navigazione in rete non sicura.

Uno degli argomenti principali trattati è stato il cyberbullismo: una delle tante facce di bullismo che permette a un cyber bullo di offendere la vittima anche in maniera anonima.

Per evitare di essere vittima di bullismo in rete occorre prendere diverse precauzioni: mantenere private le informazioni personali, bloccare utenti che ti infastidiscono, essere prudente, non rispondere alle provocazioni o offese che ti vengono recate.

Inoltre sarebbe consigliabile proteggere i propri dati personali come nome, foto o video ma, la cosa più importante è avere una password complicata formata, ad esempio, da un’alternanza di lettere e numeri.

Non dare confidenza agli sconosciuti è un’altra delle tante cose che bisogna fare ed è importante ricordarsi che l’adescatore è sempre pronto a “colpire” e convincerti a dargli i propri dati personali come numero di telefono e mail.

Giovanni Salerno ci ha anche parlato del bullismo fisico.

Il bullismo fisico è il più conosciuto e si tratta di un comportamento violento contro una persona più “debole”.

Il bullismo si basa su tre principi: l’intenzionalità, l’asimmetria nella relazione e la persistenza nel tempo.

L’intenzionalità è l’azione volontaria del bullo, l’asimmetria nella relazione è quando uno è più forte dell’altro e la persistenza nel tempo vuol dire il ripetersi dell’azione.

Il comportamento di chi assiste agli atti di bullismo è molto importante perché la vittima prova vergogna, non ha il coraggio di chiedere aiuto e un aiuto volontario da parte di un compagno potrebbe mettere fine all’ atto di bullismo.

Comunque, se si ha bisogno di denunciare un atto di bullismo, si può chiamare il telefono azzurro al numero 19696.

Pippa Francesca e Marinelli Sveva III C Secondaria I grado “D. Alighieri”

 

L’incontro con il dott. Giovanni Salerno è proseguito nel pomeriggio con un’attività di formazione per i docenti. Si sono approfondite in modo particolare le tematiche relative alla tutela della privacy e di come educare i ragazzi a proteggere i propri dati personali in rete. Si è focalizzata inoltre l’attenzione sulle modalità di prevenzione dell’adescamento on line. L’incontro si è concluso con una discussione sull’utilizzo di internet come opportunità educativa.


Submit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn